Vai al contenuto pricipale

Commissioni

Le commissioni esaminatrici per gli esami di profitto sono nominate dal CCL. Sono composte da almeno due membri e sono presiedute, di norma, dal docente responsabile dell'insegnamento indicato nel provvedimento di nomina. In caso di attività formativa composta da più moduli distinti (insegnamento), ognuno dei quali è affidato a un docente, ciascun docente titolare di modulo fa parte della commissione d'esame e il responsabile dell'Insegnamento assume la funzione di Presidente della commissione. In caso di impossibilità a presiedere da parte del responsabile dell'Insegnamento, assume la funzione di Presidente il più anziano tra i docenti responsabili di modulo. E' possibile operare per sottocommissioni, esclusivamente nella medesima seduta, purché queste siano composte da almeno due membri e operino sotto la responsabilità del Presidente della commissione. Possono far parte della Commissione di esame i cultori della materia. Il riconoscimento di cultore della materia è deliberato dal Consiglio di Dipartimento su proposta del CCL. Le prove d'esame non si possono frammentare al di fuori delle date di appello pubblicate. 

Le commissioni esaminatrici per gli esami di tirocinio sono nominate, su indicazione del Coordinatore del CdL, dal CCL. Sono formate da almeno 2 docenti dello specifico profilo professionale, sono presiedute dal Coordinatore del CdL, sono coadiuvate dai tutori nominati in CCL ad inizio anno accademico. Nel formulare il giudizio di esame tali commissioni utilizzano le valutazioni delle prove pratiche e/o simulazioni svolte durante l'esame, integrate dai dati provenienti dalle schede di valutazione di ciascun periodo di tirocinio. Il superamento dell'esame di tirocinio è comunque vincolato al raggiungimento della sufficienza nelle prove svolte durante l'esame per ciascuna delle specialità previste.

Il voto degli esami di profitto è espresso in trentesimi e l'esame si considera superato se il punteggio è maggiore o uguale a 18. All'unanimità può essere concessa la lode, qualora il voto finale sia 30.

Per le attività didattiche di: inglese scientifico, informatica, laboratori professionali del 1°, 2° e 3° anno, attività formative a scelta dello studente e seminari, è previsto il conseguimento di una idoneità. Per acquisire l'idoneità lo studente deve aver frequentato almeno il 70% delle ore di attività programmate e superare una prova secondo le modalità decise dal docente dell'attività didattica.

Le Commissioni esaminatrici della prova finale sono nominate dal Rettore su proposta del CCL e sono composte da:

  • Presidente del corso di studio, con funzioni di Presidente della Commissione;
  • Coordinatore del corso di studio;
  • Docenti relatori;
  • due rappresentanti dell'Associazione professionale di categoria (Associazione Nazionale Tecnici di Neurofisiopatologia)
  • Possono partecipare, a sovrintendere alla regolarità dei lavori della prova d'esame, un rappresentante del M.I.U.R. e un rappresentante del Ministero della salute.

Le Commissioni Didattiche Paritetiche di Ateneo sono il primo organo valutativo per aspetti riguardanti la progettazione, la struttura e gli esiti delle attività didattiche dei Corsi di Studio. Esse tengono in particolare conto il punto di vista degli studenti e la loro azione capillare si affianca a quella più generale esercitata centralmente dal Presidio della Qualità e dal Nucleo di Valutazione.

Le Commissione Didattica Paritetica Docenti-Studenti del Corso di Studio in Tecniche di Neurofisiopatologia è la Commissione Didattica Paritetica Docenti-Studenti della Scuola di Medicina

 

Ultimo aggiornamento: 07/06/2019 09:38
Location: https://neurofisiopatologia.campusnet.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!